"Non si tratta solo di migranti", si tratta di... SHUKRULLAH!

“Non si tratta solo di migranti”, si tratta di… SHUKRULLAH!

MI chiamo Shukrullah, vengo dall’Afghanistan e ho 27 anni. Nel mio paese ho studiato fino alla scuola superiore.

Secondo me un migrante non è solo una persona che è costretto a lasciare il suo paese e andare in un altro ma è una qualcuno che si sposta da un’area geografica a un’altra per diversi motivi: economici, politici, sociali, ambientali, con l’intenzione di stabilirsi temporaneamente o permanentemente nella nuova area.

Lo spostamento o movimento di un migrante può essere sia interno, quando si sposta all’interno di uno Stato, sia esterno quando si sposta da uno stato a un altro; ad esempio una persona che, per motivi sociali, si sposta da una città (Roma) a un’altra (Milano) è un migrante. O una persona che si sposta da uno stato (Italia) a un altro (Canada) per motivi economici è un migrante.

Sono arrivato a Casa Scalabrini 634 a ottobre 2018 e sono andato via ad aprile 2019. Casa Scalabrini 634 è una Casa aperta a tutti quanti, a persone italiane o migranti. È una Casa che aiuta temporaneamente i migranti che ancora non sono in grado di vivere in autonomia. È una Casa che aiuta le persone a fare diversi corsi (italiano, inglese, scuola guida, computer, sartoria, web radio) in cui i migranti si incontrano con la comunità italiana, è un luogo che fa tutto quello che può fare per aiutare i migranti.

Qui ho conosciuto altre persone, ho fatto amicizia con tanti ragazzi di diversi paesi e ho incontrato i due amici con cui sono andato poi a vivere alla fine del mio percorso. Per me Casa Scalabrini 634 è stata, e sarà sempre, una famiglia.